Posts Tagged 'creazionismo'

Livio Fanzaga contro Darwin (ancora)

In questo video il noto scienziato Padre Livio Fanzaga tiene una lezioncina di anti-darwinismo (da notare il francesismo che si può udire nei primi secondi):

scarica il video

Annunci

Il Giornale creazionista

Segnalo che sul quotidiano di estrema destra il Giornale è apparso un articolo in difesa dell’ultracattolico vicepresidente del CNR (dove R sta per ricerca e non religione). Il testo che supera ogni limite del ridicolo si intitola Zittite il Creazionista. La libertà d’opinione non è uguale per tutti.

L’autore è tale Alessandro Gnocchi, strenuo oppositore del laicismo, che ha pubblicato delle imperdibili opere come: “Il pianeta delle scimmie. Manuale di sopravvivenza in un mondo che ha rifiutato Dio”, “Contro il logorio del laicismo moderno. Manuale di sopravvivenza per cattolici”, “Cattivi maestri. Inchiesta sui nemici della verità”.

Darwin rebus sic stantibus

Una devota ascoltatrice chiama in diretta la dottoressa Medua Dedè (di cui sentirete presto ancora parlare…) a Radio Maria, per proporre di eliminare le teorie di Darwin dalle nostre conoscenze scientifiche, rebus sic stantibus:

scarica il video

Emergenza educativa /2

Nel video seguente una vispa bimbetta, tedesca di Germania, affronta quella tremenda piaga chiamata emergenza educativa, facendo un po’ di sano proselitismo evoluzionista:

In questo altro video, dall’emblematico titolo La Vita non è un Caso,  si può invece apprezzare (per modo di dire…) la visione cattolica sul senso dell’esistenza di ogni cosa, in un trionfo di naïf friulano:

Comprate il mio libro, fatelo per Cristo!

Rosa Giannetta AlberoniConclusione dell’intervista radiofonica a Rosa Giannetta Alberoni, andata in onda sulle frequenze di Radio Maria:

Rosa Alberoni – Posso dire una cosa agli ascoltatori di Radio Maria? Molto semplicemente e con molta lealtà, con molta sincerità vi dico: leggete questo libro, che è appena uscito, ma i mass media mi hanno fatto una grande barriera. Non gli piace! La stessa cosa successe quando uscì “La cacciata di Cristo”. Io chiedo aiuto a voi, perché noi dobbiamo di nuovo riscoprire, consacrare e mettere in pratica i valori cristiani! Dobbiamo per Cristo! Dobbiamo farlo. Io vi chiedo aiuto. Se volete. Vi ringrazio molto.

Alberto Di Giglio – Grazie a Rosa Alberoni per questo contributo, e rilanciamo questo grido che abbiamo lanciato all’inizio della trasmissione. Cristiani, genitori, difendiamo i nostri figli da chi avvelena la loro mente! Perché no, volgendo anche lo sguardo verso la creazione com’è descritta nella Cappella Sistina, questa opera straordinaria.
Grazie ancora.


Sorvolo sull’invocazione al dovere morale (“Dobbiamo per Cristo!”) di leggere l’ultima fatica di Rosa Giannetta Alberoni, che non ha bisogno di commenti.

Sottolineo invece il fatto che il libro anti-darwinista della docente universitaria è stato pubblicizzato su RaiUno e RaiDue (come documentano i video presenti su questo blog), mica su TeleTrullo o TeleCuneo, inoltre è pubblicato dall’editore Rizzoli, quindi questo piagnisteo sull’oscuramento mediatico è assolutamente fuori luogo.

Ecco un altro gustoso passaggio dell’Alberoni-pensiero:

Alberto Di Giglio – Tornando a Darwin e ai Darwinolatri, lei diceva che il polo della contesa è a livello simbolico è l’antenato dell’uomo, Dio o la Scimmia? Lei però mette in evidenza un risveglio dei credenti. E lei dice che è stata proprio l’impotenza del mito della scimmia a scuotere la gente comune, come accade ai soldati quando vengono svegliati nel cuore della notte dall’allarme. E dice: “I cristiani credenti e gli ebrei ortodossi si sono attrezzati per la difesa”. Come?

Rosa Alberoni– Rispondo in due modi. La prima: non abbiamo parlato del mito della scimmia. Lo slogan di Darwin: «L’uomo proviene dalla scimmia», è chiaro che è stato così accattivante, così nuovo, e si è impregnata la mente della gente di provenire dalla scimmia. E questo viene detto ancora oggi nelle scuole. Lo vedo anche nella mia nipotina. Un giorno torna dalla scuola e dice al nonno: “Nonno, la maestra della terza elementare è venuta a raccontarci che l’uomo viene dalla scimmia”. E come fa a venire dalla scimmia?, domanda il nonno. «Ma perché la scimmia lentamente, camminando nel tempo ha perso il pelo ed è venuto fuori l’uomo-donna»… E il nonno dice: «Come, l’uomo-donna?… Ti avranno detto che è venuto fuori un uomo e una donna!». «No. Ha detto uomo-donna!». Quindi gli adulti capiscono la sottigliezza. Si vuol far intendere che non esiste differenza fra uomo e donna.
Ora, perché tutti i libri nelle scuole elementari non fanno che mostrare immagini colorate di animali, tanto è vero che il bambino piccolo ti dice che gli piacciono anche i serpenti? Ma perché non li ha mai visti! Li ha visti sul libro. Li vede in televisione. Non ci è inciampata dentro con i piedi, come accadeva a me da bambina! E di esserne terrorizzata. Se pensiamo poi che questa bimba va in una scuola cattolica, tu gli chiedi: “Ma la suora, non ti ha parlato del Paradiso terrestre? Non ti ha parlato di Adamo ed Eva?». Lei ci ha pensato su un po’, poi ha risposto: «Ah… quella della mela?».
Si capisce che loro sono così abili a inculcare nella mente dei bambini, sin da piccoli e tutti i giorni continuano a vedere animali da tutte le parti, a questo punto la “favola” diventa Dio, diventa Gesù bambino… La favoletta diventa quella! L’altra è realtà! E adesso è convinta che l’uomo viene dalla scimmia! Come facciamo a cancellarla dalla sua mente? Perché dice che “glie l’ha detto la maestra”! Capisce quanto è stato forte questo slogan e come si è continuato e si è messo in atto?
Io con questo non voglio dire che non si debba più insegnare la zoologia o la “teoria” dell’evoluzione, dico solo che un ragazzo per capire la differenza fra realtà e teoria, forse la teoria bisognerebbe spostarla al penultimo anno di liceo. E poi andare nelle università nelle facoltà appropriate, per esempio a biologia. Ma non portarle nelle scuole elementari!
Perché lo fanno? È per questo che dico: «Genitori, svegliatevi, alzate la testa! Vedete come avvelenano la mente dei vostri figli!» lo fanno in questo modo. È una lotta impari! Anche per il genitore che vuol vigilare, è impari! Perché tutti i giorni vedono quelle cose lì! E poi sono accattivanti. Sono belle le immagini! Poi è logico che ti risulti favola il presepe a Natale. È una favolina! Tanto è vero che se lo elimini, va meglio l’albero, perché si sono visti tanti tipi di alberi.
Lo stesso accade nella geografia…nella geografia non si parla più, come un tempo, dei fiumi, dei laghi, i confini, la terra… no, no, no, si parla degli animali, di quello che c’è. Della forma della Terra, come è la terra, che cosa c’è nella Terra, i tipi di animali… Hanno distorto anche questo senso.

In buona sostanza la docente universitaria Alberoni propone di insegnare la teoria dell’evoluzione al raggiungimento dei 17 anni di età, quando i giovani studenti sono già completamente rincoglioniti da anni di indottrinamento sul creazionismo.

Rosa Alberoni contro Darwin e i suoi seguaci

Dopo il servizio al TG2, continua il delirio antidarwiniano della docente universitaria (sic!) Rosa Alberoni, che parla della sua ultima fatica letteraria:

Per non farci mancare nulla, viene anche presentato il libro-intervista del giovane cattolico Paolo Gambi, in cui è presente anche “la risposta musulmana di Magdi Allam” (sic!) Evidentemente il libro non è stato scritto recentemente, ma è pure vero che basta davvero poco tempo per passare da un monoteismo all’altro…

Vittimismo dei cattolici, lettera ad Avvenire

avvenire

Un lettore di Avvenire, quotidiano dei vescovi italiani sovvenzionato con quattrini pubblici, si lamenta di come vengono maltrattati i cattolici dalla Rai:

Caro Direttore, mentre le scrivo (è il 25 febbraio) ho ancora sul mio tavolo il bollettino per il pagamento dell’abbonamento al­la Rai. Ho tanta voglia di non pagare per una protesta fiscale. Perché – mi dico – devo pagare una televisione che ogni giorno insulta me, cattolico? Da Augias alla D’Eusanio ogni gior­no vengo presentato, in quanto cat­tolico, come: cretino, retrogrado, neo­guelfo, talebano, nemico dello stato laico, nemico della libertà della scien­za, non rispettoso delle altrui libertà, causa dell’ arretratezza dell’Italia, contrario all’emancipazione delle donne… Ma è possibile che non ci nessuno che stia dalla mia parte? Non voglio discutere la libertà di dire quanto si vuole, ma che addirittura io sia costretto a pagare per farmi dare del ‘cretino’ e tutto il resto… since­ramente mi sembra un pò troppo!
Gianni Colasanti

Terni

Davvero diabolico questo servizio pubblico pubblico radiotelevisivo! Osa concedere libertà di parola a Corrado Augias, reo di non essere un devoto baciapile e strenuo difensore della laicità (quella vera, non la “sana laicità” in salsa vaticana) e della separazione tra Stato e Chiesa.

Che dire della povera Alda d’Eusanio? In una, dico una, trasmissione ha osato parlare di eutanasia, discostandosi dal magistero della Chiesa Cattolica Apostolica Romana…

Tanto basta per indignarsi, come se il canone non lo pagassero anche i non cattolici, che si devono sorbire speciali su Lourdes, fiction zuccherose come Don Matteo, per non parlare della infinita serie di agiografie.

Lo sdegnato lettore dovrebbe invece essere orgoglioso di pagare il canone Rai, con cui vengono prodotti esempi di informazione cattolicamente corretta come il servizio del TG2 di tre mesi fa, tornato in auge grazie ad un link dal sito di Beppe Grillo:


blog attenzionato

Categorie

Avviso ai commentatori

In alcuni Paesi esprimere il proprio pensiero può costituire reato. Prima di inserire dei commenti illeciti, valutare l'opportunità di seguire la precisa indicazione fornita dall'immagine sottostante:

carabiniere cenno di no

settembre: 2017
L M M G V S D
« Apr    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Top Clicks

  • Nessuna

Blog Stats

  • 266,502 hits
web analytics