Posts Tagged 'terremoto'

Roberto de Mattei insiste: il terremoto di Messina

Mentre i presunti giornalisti di Repubblica erano in altre faccende affacendati, non si sono evidentemente accorti di un graditissimo ritorno: una nuova imperdibile puntata della trasmissione Radici Cristiane, condotta dall’esimio Roberto de Mattei su Radio Maria.

Il vicepresidente del CNR ops! intendevo dire il privato cittadino de Mattei, dopo aver salutato gli ateisti (sic) in ascolto, torna ad uno dei suoi argomenti preferiti: la divina provvidenza.

Attenzione: prima che de Mattei lanci nuove accuse di manipolazione, indico subito la trascrizione integrale della trasmissione e pure la versione audio integrale.

Nel seguente video (trattasi di riduzione e non manipolazione) possiamo sentire il racconto del terremoto di Messina del 1908 e come al solito de Mattei ricorre allo stratagemma della citazione (della serie: non lo dico ma lo cito). Questa volta, in maniera assai astuta, de Mattei non cita qualche visionario medievale, ma un santo del secolo scorso, tale Annibale Maria di Francia, canonizzato nientepopodimeno che dal papa polacco nel 2004. Sicuramente sarà un brutto colpo per il quodiano dei vescovi Avvenire, apertamente ostile a de Mattei…

scarica il video

Annunci

666 il Segno della Bestia

Nuova epica puntata del Livio Fanzaga Show.

Il pio direttore di Radio Maria non ha evidentemente gradito le polemiche dopo la trasmissione condotta da Roberto de Mattei e va al contrattacco.

Livio Fanzaga non risparmia nessuno: i laicisti che hanno scritto 666 (il Segno della Bestia)  sulla mano, la UAAR, i soliti che registrano la radio con il magnetofono (sic!) e poi tagliano e pubblicano i video su YouTube (la solita accusa di manipolazione, che barba, che noia…), la Stampa di Torino e la sua giornalista Flavia Amabile (a causa del suo articolo sulla vicenda).

scarica il video

La replica di de Mattei

Segnalo un articolo pubblicato dal Corriere della Sera:

L’«eretico» del Cnr: «I terremoti? Un castigo divino»

Il vicepresidente del CNR replica in maniera lucida (detto senza alcuna ironia) alle furiose polemiche seguite alle sue perle di saggezza cattolica, riportate da questo umile blog.

Va detto che le polemiche sono state ben poco laiche e ben poco razionaliste, infatti i commenti più ricorrenti sono stati del tipo: “il mio dio è diverso dal tuo“, “il mio dio è buono, il tuo no“, “il mio dio ce lo ha più lungo del tuo” e via discorrendo…

A proposito delle reazioni di tanti pseudo-credenti e sedicenti cattolici, il professor de Mattei ha dichiarato:

Mi colpiscono semmai il silenzio e l’ateismo pratico di certi cattolici, per i quali Dio sarebbe assente dalla storia, avrebbe creato l’universo per poi disinteressarsene

Il vicepresidente del CNR evidentemente dimentica uno dei pilastri su cui si fonda ogni religione: l’ipocrisia.

Il terremoto in Giappone e De Mattei del CNR

Dopo il terremoto in Giappone qualcuno si aspettava qualche illuminante esternazione di Padre Livio Fanzaga, che però ha sorvoltato sull’argomento, avendo già regalato una perla in occasione del terremoto in Abruzzo.

Consoliamoci dunque con una approfondita catechesi di un noto studioso, il vicepresidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche Roberto de Mattei.

Ascoltiamo dunque le sue perle di saggezza e citazioni di un arcivescovo circa il sublime disegno divino che si cela dietro ad eventi sismici terrificanti:

scarica il video

PS: per chi si fosse perso le altre imperdibili perle di de Mattei segnalo:

Roberto de Mattei vs Atei

Roberto de Mattei CNR vs Darwin

AGGIORNAMENTO:

Per chi fosse interessato è stata pubblicata la trascrizione integrale dell’intervento di de Mattei a Radio Maria sul sito della Fondazione Lepanto.

Inoltre è possibile ascoltare l’intera puntata della trasmissione Radici Cristiane, scaricandola dal sito di Radio Maria.

PICCOLO SFOGO:

Innanzitutto va notato che a Radio Maria ne dicono di tutti i colori da oltre venti anni, nell’indifferenza più totale, ad esclusione di un povero pirla che occasionalmente espone a pochi affezionati su questo umile blog alcune perle dell’emittente ultra-cattolica (dai “professori indemoniati de La Sapienza“, al “terremoto in Abruzzo non a caso durante la settimana di passione“, fino a quest’ultimo scoop).

Non può che far piacere il fatto che queste perle in salsa cattolica vengano riprese dai grandi esperti di copia&incolla, ovvero i giornalisti della stampa nazionale. Magari sarebbe gradita una misera citazione, ma se ciò non avviene basta farsene una ragione, pazienza.

I sedicenti giornalisti di La Repubblica hanno però superato ogni limite… Questi simpaticoni hanno estratto l’audio dal video pubblicato in questo articolo, per realizzare una loro “creazione”, ovvero un video con un fermo immagine di de Mattei e il logo di Repubblica. E’ molto comodo trovare la pappa pronta, invece di cercare l’audio originale di Radio Maria e sbattersi per condensare oltre un’ora di trasmissione in 9 minuti, analizzando ogni frase,  scegliendo cosa inserire, cosa eliminare, cosa spostare al punto giusto.

NB: La Repubblica non si limita a sfruttare impunemente il “lavoro” altrui, senza uno straccio di citazione, ma  addirittura ne ottiene del lucro, grazie all’inserimento di fastidiosissimi mini-spot di 15 secondi prima del video.

Radio Maria, sesso e tsunami

Parecchie anime belle si sono scandalizzate per le parole del pastore americano Pat Robertson, secondo cui il terremoto ad Haiti sarebbe un castigo divino.

Pure in Italia si sentono teorie simili, basta ascoltare Radio Maria ad esempio (e questa volta, strano ma vero, Livio Fanzaga non c’entra).

Recentemente Padre Giuseppe Cionchi, saltellando agilmente da un argomento all’altro, è riuscito a collegare giovani, sesso, perversione, tsunami e castighi divini:

Radio Maria e lo studio legale

sim-blue_haired_lawyer_1Sia benedetto San Google!

Con un imperdonabile ritardo sono venuto a conoscenza di una vicenda legale che riguarda le esternazioni del pio Livio Fanzaga in occasione del terremoto in Abruzzo.

E’ cosa buona giusta far sapere alle vecchiette che con i loro risparmi donati a Radio Maria (fatturato 2006: 19,4 milioni di Euro, fonte AGCOM) non si pagano solo i ripetitori, ma anche gli avvocati.

Il prestigioso studio legale milanese Perani, per conto dell’Associazione Radio Maria ha chiesto e ottenuto la rettifica di un articolo apparso sul blog SuperPop.

Il blogger in questione aveva erroneamente attribuito un virgolettato al direttore di Radio Maria e fin qui posso anche capire.

I legali però si sono spinti ben oltre, contestando l’omissione di frasi in cui il pio Livio esprime evidente profondo dolore nei confronti terremotati (come se non fosse scontato!) e il presunto mutamento del concetto espresso dal direttore di Radio Maria, nonostante frasi dal senso univoco, come:  “il Signore ha voluto che in questa settimana santa, in un qualche modo… anche loro partecipassero… diciamo così… alle sofferenze della sua passione” e “in fondo il Signore quando ci fa partecipare delle sue sofferenze è perché vuol farci anche partecipare della gloria della sua resurrezione“.

Quindi, Padre Livio, come Papi Silvio, sarebbe stato frainteso… Magari la prossima volta potrebbe usare il verbo volere in maniera meno smaliziata, prima di rivolgersi ai legali.

La cosa più divertente è che nel maldestro tentativo di rettifica, i legali dell’Associazione Radio Maria sono persino riusciti a peggiorare la situazione, fornendo una versione errata della trascrizione delle parole di Livio Fanzaga: “in fondo il Signore quando ci fa partecipare alle sue sofferenze è perché vuol farci anche partecipare al dolore della sua resurrezione“.

Il dolore della sua resurrezione? La gloria, casomai!

Carissimi (in tutti i sensi) avvocati, cerchiamo di analizzare le idee chiarissime di Livio Fanzaga sul rapporto tra il cosiddetto Dio e le catastrofi naturali. Queste frasi sono state proferite in occasione dello tsunami del 2004, ma tanto una catastrofe vale l’altra, incluso il terremoto in Abruzzo:

E poi, cough cough (tosse), questo, questa immane tragedia che comunque ha il sapore di una piaga, di un flagello, di un flagello biblico, questa piaga.
E’ tutta da esaminare, perché accaduta il giorno dopo Natale, non lo so, io non mi sento di liquidarla dicendo: “E’ un fatto naturale”.
Per me, con questo modo di fare, è come dire: “Ragioniamo come i non credenti”, punto e basta.
E’ tutta da esaminare nel suo significato.

Quali sono le parole della fede?
Le parole della fede sono queste: che “Dio governa il mondo“.
Non possiamo noi di fronte ad un evento, che è disastroso, non possiamo dire: “Eh, ma è un fatto naturale!”
E’ un fatto naturale? Ma tu scusa la Bibbia la leggi o non la leggi?
Guarda che, non solo il Vecchio Testamento, ma anche il Nuovo Testamento, tutto il Nuovo Testamento, ma anche le parole di Gesù!
Ma il governo di Dio nel mondo è fuori discussione!
Ma Gesù dice: “Perfino i capelli del vostro capo sono contati”.
Non cade foglia che Dio non voglia!

Dio governa il mondo e governa anche gli eventi naturali, figlioli cari!

Allora, Dio dà i castighi, castiga, castiga per rendere casti, per purificarci! E quindi per salvarci. E’ chiaro?
Quindi i castighi, il vero castigo per il quale non c’è speranza è l’inferno.
Ma quelli che Dio su questa Terra, i castighi di Dio, i castighi di Dio sono per la nostra salvezza.
Sono anch’essi espressione della sua misericordia, perché noi, non avendo ascoltato il linguaggio dell’amore, Dio ci vuol salvare con il linguaggio del dolore!

Dunque, stimatissimi avvocati, alla luce dei concetti appena esposti, riuscireste forse a immaginare per un solo secondo di poter uscire vittoriosi da un’aula di una sezione civile, o peggio ancora penale, di un tribunale?

La fiera dell’ipocrisia

Nelle ultime ore sto assistendo alla crocifissione mediatica di Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria, ad opera di numerosi sedicenti credenti, che riempiono la Rete di messaggi sdegnati.

Questi ipocriti, contestano le parole dell’intrepido Livio, rifiutandosi di credere in ciò che dovrebbero credere:

  1. il terremoto è un evento voluto dal Signore
    dinanzi all’onnipotenza divina è inutile mettersi a cercare distinzioni tra terremoto doloso e terremoto colposo, infatti affermare che “Dio governa il mondo” è una verità di fede,  chi non ci crede è un eretico e se ne faccia una ragione
  2. il terremoto è avvenuto in coincidenza con la settiama santa
    è un dato di fatto (lo dice il calendario!), inoltre per chi crede nel cosiddetto disegno divino non esistono le coincidenze

Il coraggioso Livio Fanzaga si è limitato quindi ad esprimere dei concetti perfettamente in linea con la dottrina cattolica (ma nemmeno per le altre religioni esiste il caso)

Oggi sulla prima pagina di Avvenire, il quotidiano dei vescovi italiani, compare il titolo: Il demone non dà tregua. Livio Fanzaga almeno ha avuto il coraggio e l’onestà intellettuale di attribuire la responsabilità a chi si occupa di disastri.

Sempre su Avvenire, compare la seguente notizia:

Nel cortile dell’unica abitazione rimasta in piedi a Onna, il paese raso al suolo, c’è una statua della Vergine di Lourdes.

Nell’articolo viene inoltre citata la protezione speciale della Madonna.

Per quale bizzarro motivo tutti questi pseudo-credenti che attaccano furiosamente Livio Fanzaga, non si stracciano le vesti dinanzi a questa presunta accurata selezione sovrannaturale degli edifici e delle vite da risparmiare?


blog attenzionato

Categorie

Avviso ai commentatori

In alcuni Paesi esprimere il proprio pensiero può costituire reato. Prima di inserire dei commenti illeciti, valutare l'opportunità di seguire la precisa indicazione fornita dall'immagine sottostante:

carabiniere cenno di no

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Apr    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Top Clicks

  • Nessuna

Blog Stats

  • 266,636 hits
web analytics