Posts Tagged 'vescovi'

Meglio musulmani che atei

Tanto per cambiare dalle pagine di Avvenire, quotidiano dei vescovi italiani, si continua a spalare letame addosso ai non credenti.

Oggi è stato pubblicato un velenoso articolo di un sociologo padovano, tale Sabino Acquaviva, che invita a costuire tante moschee sul territorio italiano, altrimenti si rischia grosso: i musulmani potrebbero diventare dei pericolosi atei! Meglio correre il rischio che vengano indottrinati all’odio…

Riporto le frasi più (involontariamente) divertenti:

Si è assistito anche, ma non soltanto, allo scontro tra un ateismo di Stato, del governo cinese, e una delle espressioni religiose più nobili e importanti del Pianeta, quella dei Lama del Tibet.

(Qualcuno informi il sociologo esperto di religioni che il defunto papa polacco aveva definito giustamente il buddismo una religione atea, in effetti non è né un monoteismo né un politeismo, i monaci non pregano, ma meditano. Al governo (anzi, dittatura) cinese non gliene può fregare di meno che i buddisti credano nella reincarnazione, piuttosto non riesce a digerire il fatto che i tibetani obbediscano al Dalai Lama… Stesso problema coi cattolici cinesi, che sono tenuti all’obbedienza al capo di uno stato straniero: il Vaticano, inoltre sono tenuti alla disobbedienza civile se le leggi cinesi sono contrarie alla fantomatica Legge Naturale, che guarda caso coincide con le parole di Ratzinger)

Il grande confronto in atto in questa nostra civiltà è fra quanti hanno una fede religiosa e gli altri. Una volta constatata l’esistenza del problema, si penserebbe che dovrebbe esistere una specie di coalizione religiosa, almeno tra le religioni monoteiste, intesa a fronteggiare la situazione.

(Siamo alle solite: chi non crede a un dio qualunque rappresenta un problema da fronteggiare… si spera almeno in maniera pacifica…)

Ma elementi di una cultura discutibile mostrano di esistere anche oggi in Europa quando si propone di non costruire moschee. Si tratta di un atteggiamento quasi assurdo. Che cosa può accadere infatti alla marea di giovani musulmani che arrivano in Italia e in Europa?
Dobbiamo abbandonarli, almeno in parte, nelle mani della delinquenza più o
meno organizzata? In pratica, milioni di giovani che vengono per lavorare, cui viene negato spazio per la loro religione, entrano nel mondo di una cultura agnostica, talvolta atea, che si dilata nei Paesi occidentali. Dobbiamo creare le condizioni perchè perdano il senso dell’infinito e dell’eterno? O fare in modo che siano psicologicamente e socialmente protetti dalla loro cultura e dalla loro religione? Ovvero, scusate il paradosso, «meglio atei o musulmani»?

(Stupisce come un sociologo, ex preside di Sociologia a Padova, riesca a trovare un nesso tra agnosticismo e delinquenza più o meno organizzata. Vada a farsi un giro nelle carceri, per favore. Prenda nota della percentuale di credenti incarcerati… In alternativa basta notare la religiosità, il senso dell’infinito e dell’eterno dei mafiosi italiani)

Non diversamente sembrano pensare, in concreto, quei musulmani che contestano il cristianesimo e ignorano l’ateismo. Forse sarebbe meglio se smettessero di pensare agli occidentali come a dei moderni crociati e gli occidentali evitassero di considerare i musulmani come l’espressione di una cultura antiquata e superata. E guardassero invece insieme alla minaccia, questa autentica e contemporanea, di un ateismo spesso militante e di un agnosticismo che sta mettendo in ginocchio un’intera civiltà.

(I musulmani ignorano l’ateismo perché nelle loro repubbliche islamiche semplicemente non esiste: gli atei li ammazzano allegramente. Per quanto riguarda la nuova santa alleanza Cristianesimo-Islam contro la minaccia agnostica, è già in corso d’opera, caro sociologo, ma forse non se n’è accorto)

Ma, ripeto, molti cristiani sembrano dunque affermare, con le loro scelte, «meglio atei che musulmani», e si tratta di un atteggiamento molto simile a quello di quei musulmani che, sempre con i fatti, sembrano dire: «Meglio atei che cristiani».

(Magari fosse così! Con questa conclusione il sociologo dimostra che l’età non porta necessariamente saggezza)

Annunci

La crociata di Avvenire

Il giornale dei vescovi (ma sovvenzionato con i soldi di tutti i cittadini della Repubblica Italiana) si scaglia contro chi osa introdurre un minimo di educazione civica e anti-bullismo nella scuola pubblica e LAICA italiana.

Riporto il commento di l’Avvenire, ricordando che vale sempre la solita regola d’oro: sostituire il termine “omosessuale” con “ebreo” per rendersi conto del tono odioso usato dai devoti cattolici.

Il Comune di Roma ha deciso di patrocinare un’iniziativa anti-bullismo «a 360 gradi» che – «per ora», viene sottolineato – si svilupperà in 6 scuole superiori romane e si articolerà in 60 incontri «obbligatori» per insegnanti, famiglie e studenti delle classi prescelte. Presentata così, la cosa meriterebbe solo applausi. Invece hanno subito preso a fioccare da più parti allarmi e riserve. E può sembrare strano, ma solo fino a quando non si colgono gli esatti e sconcertanti contorni dell’operazione. Basta, infatti, informarsi appena un po’ per scoprire che questa meritoria battaglia, col beneplacito dell’amministrazione capitolina, è stata appaltata al ‘Mario Mieli’, un’organizzazione che si definisce «circolo di cultura omosessuale». Gli «operatori» che verranno inviati nelle sei scuole di Roma sono stati, insomma, selezionati all’interno di una precisa e unica realtà militante, da anni polemicamente impegnata per l’affermazione della sua parziale visione «culturale» della sessualità umana. Perché? In base a quali criteri si è stabilito che la «non sopraffazione» e la «non discriminazione delle diversità» per diventare finalmente materie di studio e di formazione debbano finire per concidere, incredibilmente, con le posizioni sostenute in certi ambienti gay? La scuola non può e non deve diventare campo libero per imposizioni propagandistiche e scorribande pseudo-educative. Il bullismo del ‘politicamente corretto’ non fa meno danni di ogni altro bullismo. E l’autentico rispetto per ogni persona ci impone di denunciarlo con la stessa determinazione.

Il senso del ridicolo è stato ampiamente superato. Ci si chiede chi dovrebbe andare a parlare nelle scuole di bullusimo a sfondo omofobico: la mite Eugenia Roccella? il fine intellettuale Rino Fisichella? Rocco Buttiglione? La Binetti?

Dopo i fatti della Sapienza, i devoti cattolici rispondono con l’invito a non fare entrare nelle scuole laiche esponenti del circolo Mario Mieli, giusto per ribadire che lor signori sono quelli tolleranti e amanti del dialogo.

avvenire

Il sostegno a Bagnasco

Oltre ai soliti politici italiani, c’è anche un bizzarro personaggio che dice la sua sul caso Bagnasco:

Intervista al monsignor Bagnasco

Intervista al monsignor Bagnasco, no comment:

E qui le prese di posizione dei politici italiani sulle minacce a Bagnasco e il pericoloso laicismo:

Infine ecco come si è conclusa la storia della seconda lettera con proiettili (caso di emulazione):


blog attenzionato

Categorie

Avviso ai commentatori

In alcuni Paesi esprimere il proprio pensiero può costituire reato. Prima di inserire dei commenti illeciti, valutare l'opportunità di seguire la precisa indicazione fornita dall'immagine sottostante:

carabiniere cenno di no

settembre: 2017
L M M G V S D
« Apr    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Top Clicks

  • Nessuna

Blog Stats

  • 266,502 hits
web analytics